logo

In Evidenza

  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO ALTO – 7 GIUGNO

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO ADDETTO E RESPONSABILE TECNICO GESTIONE RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 30 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO DATORI DI LAVORO/RSPP – A PARTIRE DAL 10 GIUGNO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER RLS (COMPLETO) – A PARTIRE DAL 17 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 14 GIUGNO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 9/10 GIUGNO

    Approfondisci
           

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT23   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   agricoltura   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rischio incendio   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Ven 25 Ago 2017

GUIDA AGLI SCENARI SEVESO

  incidente rilevante , manuale

GUIDA AGLI SCENARI SEVESO

Ad aprile 2017 la Commissione Europea ha rilasciato l’Handbook of Scenarios for Assessing Major Chemical Accident Risks, un manuale finalizzato a guidare gli Stati Membri ad una corretta e omogenea applicazione della Direttiva Seveso 2012/18/UE, recepita in Italia con il Dlgs 105/2015.

Questo rapporto tecnico ha l’obiettivo di aiutare gli Stati Membri a ridurre l’entità degli impatti dovuti ai grandi incidenti delle aziende ricadenti in Seveso.

Le autorità durante l’elaborazione della valutazione dei rischi e delle emergenze in presenza di stabilimenti a incedente rilevante, avranno a disposizione diversi scenari di riferimento, che terranno conto della tipologia di sostanza pericolosa, della conformazione territoriale e della distanza da bersagli sensibili.

Gli scenari individuati comprendono solamente alcuni tipi di sostanze: cloro, GPL, ammoniaca anidra, gas naturale liquefatto (GNL), liquidi infiammabili e ossigeno liquido.

Nonostante non vengano elencati tutti i tipi di scenari possibili questo manuale è comunque considerato un valido punto di partenza per la valutazione del rischio per i siti ricadenti sotto la Direttiva Seveso, questo infatti non fornisce obblighi ma solamente buone prassi.

Il manuale si articola in nove capitoli, nel primo viene fatta un’introduzione sullo scopo e sull’ambito di applicazione, nei successivi sette vengono illustrati gli scenari che coinvolgono le sostanze e le attrezzature pericolose più comunemente utilizzate all’interno della Comunità Europea, e  nell’ultimo capitolo si riporta un esercizio di benchmarking in cui otto gruppi di esperti provenienti da autorità regionali e nazionali dell’UE hanno condotto delle valutazioni del rischio per la pianificazione del territorio in due siti differenti.

Accenni sulla Direttiva Seveso III:

La “Direttiva Seveso III”(Dir. 2012/18/UE) emanata dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea, relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti, sostituisce integralmente le Direttive 96/82/CE (Seveso II) e 2003/105/CE. Tale Direttiva è stata recepita in Italia con il D.Lgs 26 giugno 2015, n°105, il quale ha abrogato le precedenti norme di recepimento (D.Lgs 334/99 e 238/05) e una serie di decreti collegati (quali D.M. 16/3/1998, DD.MM. 9/8/2000, D.M. 19/3/2001).

L’emanazione di tale Direttiva è dovuta principalmente alla necessità di adeguare la disciplina Seveso II al nuovo sistema di classificazione delle sostanze chimiche, il regolamento CE n. 1272/2008, al fine di omologare il sistema di etichettatura e classificazione dei prodotti chimici all’interno dell’ Unione Europea con quello adottato a livello internazionale GHS – Globally Harmonised System of Classification and Labelling of Chemicals.

Gli Stati Membri sono obbligati a censire tutti gli stabilimenti a rischio incidente rilevante e ad attuare, per ognuno di questi, un piano di prevenzione e di emergenza.

In particolare è prevista:

- La cooperazione tra i gestori per limitare l’effetto domino;

- Il controllo dell’urbanizzazione nelle zone limitrofe al sito;

- La divulgazione delle informazioni agli abitanti delle zone limitrofe al sito;

- L’istituzione di un’autorità preposta all’ispezione dei siti a rischio.





A cura di: Dott.ssa Elena Martis


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.